L’ impermanenza nell’arte di Seung-Hwan Oh

‘Impermanence’ is about an idea that all the matter including all the life forms collapse in our spatial-temporal dimension we belong to. The conceptual idea was inspired by the second law of thermodynamics.
La materia che trasforma altra materia, l’instabilità e la suscettibilità della stessa al cambiamento e all’effimero.

“Il risultato visivo della simbiosi tra il materiale fotografico e la materia organica è l’origine concettuale di questo lavoro”, così, l’ artista coreano Seung-Hwan Oh, spiega le originali opere che fanno parte della mostra chiamata “Impermanence”.

Colture batteriche, che si cibano di sostanze chimiche, applicate su materiale fotografico, che viene quindi consumato, corroso e logorato nel tempo,per poi essere digitalizzato prima che venga completamente “divorato” , crea,distrugge,ridà vita e l’opera è compiuta.

Seung_hwan_oh_Tonio_Bambina_Dito_In_BoccaSeung_hwan_oh_Tonio_Cintura_Gialla
Seung_hwan_oh_Tonio_Ragazza_Cappello
Seung_hwan_oh_Tonio_Ragazza_Sciarpa
Seung_hwan_oh_Tonio_Bambina_Pupazzo
Seung_hwan_oh_Tonio_Ragazzo_Camicia
Seung_hwan_oh_Tonio_Ragazzo

Lascia un commento